La Grotta di San Giuseppe

Particolare-Grotta di S. Giuseppe

Seguendo il percorso della Processione Quotidiana, uscendo dalla Grotta della Natività attraverso il cunicolo costruito dai francescani per garantire un passaggio diretto al Luogo santo, si accede alla Grotta di San Giuseppe. Questa, rivisitata in stile moderno dall'architetto Farina, doveva essere l’antro più vicino al Luogo della Natività.

Uscendo dal cunicolo si trova sulla destra l'altrare di S. Giuseppe. Frontalmente sono conservate le fondazioni di un muro costantiniano e un arco pre-costantiniano che attestano come già tra I-II sec. il luogo fosse usato come sepolcreto “ad sanctos”. Infatti, l'abitudine di seppellire i morti vicino ai Luoghi santi era usanza comune, anche in occidente, per esempio a Roma.

Uscendo dalla zona sotterranea per entrare nella Chiesa di Santa Caterina, è possibile attraversare le mura di appoggio delle tre successive ricostruzioni dell'abside, una di epoca costantiniana e due diverse di età bizantina, una delle quali risulta un tentativo progettuale non realizzato.

Grotta della Natività

Grotta degli Innocenti

Grotta di San Girolamo  

Grotta di San Giuseppe